Se l'isolamento non può sopportare la compressione... 

Per applicazioni specifiche nell'industria e nell'edilizia, dove un certo livello di resistenza alla compressione è un requisito tecnico, i materiali isolanti che non sono in grado di resistere alla compressione possono causare difetti, ponti termici e dispersioni che possono essere difficili da identificare. 

L'isolamento resistente alla compressione è un fattore fondamentale per le installazioni industriali 

La resistenza alla compressione di un materiale isolante è fondamentale nelle basi dei serbatoi, nei pavimenti industriali, nei tubi e nei serbatoi interrati, nei supporti per tubi, ecc. La mancanza di un'adeguata resistenza alla compressione può causare danni ai sistemi meccanici e alle attrezzature, nonché il deterioramento del sistema di isolamento stesso, che avrà un notevole impatto economico e serie implicazioni per la sicurezza.

L'assenza di resistenza alla compressione sotto un serbatoio o un’installazione industriale può causare insediamenti inaccettabili. A sua volta, ciò può portare a ponti termici e di conseguenza a una perdita della capacità di isolamento termico. Nelle lavorazioni a caldo, questo fenomeno può influenzare la viscosità del liquido contenuto nel serbatoio e solidificare il contenuto del serbatoio. Nelle lavorazioni a freddo e criogeniche, ciò può avere gravi ripercussioni sull'integrità delle fondazioni del serbatoio. Un cedimento non uniforme può causare la rottura del fondo del serbatoio in acciaio, con conseguente perdita di prodotto.

Le gravi ripercussioni del materiale isolante sensibile alla compressione negli edifici

In diverse aree, l'involucro dell'edificio è esposto ad alte compressioni.
I tetti vengono utilizzati sempre più spesso e l'applicazione di carichi significativi sul tetto, ad esempio pannelli solari, tetti verdi, terrazze sul tetto, tetti adibiti a parcheggio, serbatoi d'acqua, impianti tecnici, possono causare la deformazione e lo spostamento dei materiali isolanti.

Ciò accelera il degrado della membrana, con il rischio di danni, perdite, ponti termici e la riduzione delle prestazioni termiche dell'edificio.

Per questo motivo, quando su un tetto vengono installate strutture pesanti, oltre allo strato di isolamento, è necessario uno strato superiore per carichi pesanti, come ad esempio una soletta in calcestruzzo, che distribuisca il carico e prevenga le deformazioni. Ciò comporta spese aggiuntive. Inoltre, non tutti i materiali isolanti sono in grado di sopportare il carico supplementare. Prima o poi, la sostituzione o la riparazione dello strato isolante sarà inevitabile.

Anche i locali interrati costituiscono un problema. Le pareti e i pavimenti interrati devono sopportare un carico di compressione o di terreno molto elevato. Pertanto, la scelta del materiale isolante è estremamente importante. Deve essere in grado di resistere alle deformazioni, non deve assorbire acqua, deve essere totalmente resistente alla putrefazione e deve essere impermeabile alle sostanze chimiche presenti nel suolo. È molto difficile sostituire il materiale isolante interrato danneggiato.

Vetro cellulare FOAMGLAS®

il materiale isolante su cui si può costruire

Qualunque siano le esigenze del vostro progetto in termini di resistenza alla compressione, il vetro cellulare FOAMGLAS® offre la soluzione di isolamento ideale. I prodotti isolanti FOAMGLAS® sono progettati per sopportare un carico da 50 a 240 tonnellate/m² e non si distorcono mai, nemmeno in condizioni di compressione molto elevata.

Il vetro cellulare FOAMGLAS® è quindi il materiale isolante perfetto per tubazioni industriali e serbatoi di stoccaggio. Nonostante la pressione costante, l'isolamento non si comprime e non si deforma mai, anche quando le temperature sono estremamente basse o molto elevate.

Negli edifici, il vetro cellulare FOAMGLAS® viene utilizzato per specifiche applicazioni di isolamento, per garantire la resistenza a carichi estremamente elevati per tutta la loro durata di vita. Si pensi, ad esempio, ai tetti adibiti a parcheggio per il traffico pesante, ai tetti d'acqua o alle strutture sotterranee, anche sotto le fondamenta di un edificio. La geometria unica del vetro cellulare FOAMGLAS® consente di realizzare tutto ciò.

Ci piacerebbe sfidare una mandria di elefanti a stare in piedi su 1m² di vetro cellulare FOAMGLAS®. La struttura delle cellule di vetro chiuse ed ermeticamente sigillate non si altererebbe, né si deformerebbe, e rimarrebbe intatta mantenendo quindi inalterate le proprietà del prodotto.

Nella maggior parte dei casi, nelle applicazioni edilizie che utilizzano il vetro cellulare FOAMGLAS® non è necessario aggiungere uno strato ulteriore per distribuire il carico.

Progetti di riferimento correlati